ONCOLOGIA
                                                               

 L'oncologia veterinaria ha conosciuto negli ultimi anni un grande sviluppo.



 

Un approccio corretto, basato sulla conoscenza del comportamento delle diverse neoplasie,  su una diagnosi precoce  e su una stadiazione rigorosa, ci consente ormai di affrontare con successo un gran numero di tumori.
Il trattamento è sempre più spesso multidisciplinare e compende la terapia chirurgica,la terapia medica, la radioterapia e le terapie di supporto.


Dr Luca Pastore

                                                                                                                                                                                                                   


                                                                               
ELETTROCHEMIOTERAPIA

                                                                                                                    



L‘elettrochemioterapia è una moderna terapia oncologica che associa l‘utilizzo di farmaci antitumorali all‘azione degli impulsi elettrici sulle membrane delle cellule neoplastiche. Attraverso l‘utilizzo di elettrodi dedicati che emettono brevi impulsi elettrici controllati viene aumentata la permeabilità  di membrana delle cellule tumorali aprendo le “porte“ all‘ingresso dei farmaci che vengono inoculati endovena o localmente, aumentandone l‘efficacia e riducendo la tossicità sull‘organismo.

            

La sua principale applicazio
ne riguarda numerose neoplasie cutanee e sottocutanee per la maggiore facilità di accesso e di riscontro dei risultati, ma il suo utilizzo su tumori della cavità addominale e toracica sta guadagnando grande interesse sia in medicina umana che veterinaria. A oggi è stata verificata la sua efficacia su diverse neoplasie, quali: carcinoma squamocellulare (SCC) della testa e del collo del cane e del gatto, mastocitoma, melanoma, sarcomi dei tessuti molli, fibrosarcoma da inoculo del gatto, carcinoma mammario e linfoma. L‘elettrochemioterapia trova indicazione sia come trattamento principale della malattia oncologica che in regime neoadiuvante (prima e dopo il trattamento chirurgico) e adiuvante (dopo il trattamento chirurgico per sterilizzare i margini di escissione). Il trattamento nei piccoli animali prevede sempre una sedazione più o meno profonda e le complicanza sono rare e riguardano principalmente lesioni locali